Notizie flash

Tagli ai bus (15/02/2013) PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 15 Febbraio 2013 17:07
CHIUSURA GALLERIA DEL RISORGIMENTO: LEGAMBIENTE BOCCIA IL PIANO CONEROBUS

CON LA CIRCOLAZIONE DIFFICILE, OCCORRE POTENZIARE I BUS. NO AI TAGLI, NO ALLA SOPPRESSIONE DELLA LINEA 46

ANCONA – Tra un mese chiuderà la galleria del Risorgimento per i lavori di restauro e la Conerobus ha già presentato un piano di revisione di orari e percorsi, adattato alla viabilità provvisoria.

Il piano presentato, a fronte di un potenziamento della linea 1/4, che diverrà di fatto la dorsale principale della città, prevede tagli notevoli alle altre linee, oltre alla soppressione della 46, che resterà in servizio solo tra le Tavernelle e i nuovi quartieri.

“Un piano tutto da rifare” è la bocciatura netta del Circolo Legambiente di Ancona, espressa dal suo presidente Fabio Barigelletti, che prosegue: “Con la chiusura della galleria, si prospetta un periodo difficile per la viabilità anconetana. Conerobus, anziché potenziare le linee per alleggerire il traffico, si appresta a tagliare e a costringere così le persone ad usare il mezzo proprio”.

Questo è il momento in cui è necessario puntare sul mezzo pubblico: con la circolazione che si farà ancora più problematica, il traffico privato andrà contenuto il più possibile. E’ necessario quindi mantenere le linee bus almeno con la cadenza attuale ma sarebbe decisamente più opportuno intensificarla. Si parla continuamente di ottimizzare l’impiego delle risorse pubbliche: quale migliore occasione di investire?

In particolare, Legambiente apprezza la proposta di intensificare la 1/4, dal momento che vi si riverserà con ottima probabilità una parte importante dell’utenza gestita oggi dalle linee 2 e 3. Peraltro l’entrata in servizio dei nuovi filobus contribuirà ad alleggerire l’inquinamento da polveri sottili.

Appare invece del tutto sbagliata la cancellazione del tratto della 46 che unisce i parcheggi scambiatori di Tavernelle con il centro. E’ proprio in questo tratto che la 46 è strategica: ha contribuito in modo decisivo a drenare una fetta cospicua del traffico che congestiona l’Asse Nord Sud e il centro. Tagliare questa parte di percorso sarebbe deleterio per il traffico e per l’inquinamento.

Per ovviare alla chiusura della galleria, la 46 potrà essere dirottata, senza effettuare fermate, su via XXV Aprile e via Vittorio Veneto, come già previsto per le linee 2 e 3. Durante tutto il periodo di chiusura della galleria, sarà fondamentale un’opera rigorosa, a cura dei Vigili Urbani, per far rispettare dei divieti di sosta, l’infrazione dei quali già oggi crea spesso difficoltà al transito dei mezzi pubblici.

Da Conerobus ci aspettiamo quindi un’inversione di tendenza alla linea al ribasso sottesa al piano presentato e dal Comune di Ancona il supporto a Conerobus affinché la circolazione provvisoria dei mezzi sia il più possibile fluida e regolare.

Circolo Naturalistico Il Pungitopo ONLUS

 

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 15 Febbraio 2013 17:09 )
 
postit-leggebavaglio.png