Notizie flash

Verbale 12/07/2007 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 15 Settembre 2008 17:53

Nella RIUNIONE del 12.7.2007 si sono discussi i seguenti punti:
1. Piano ripascimenti. Dopo la critica espressa sul nuovo Piano del Parco del Conero, si è
dovuto ritornare di nuovo in argomento per analizzare le linee guida, uscite sulla stampa,
dei ripascimenti in progetto lungo la riviera del Conero; in particolare, si è valutato
negativamente qualsiasi intervento che sarebbe inutile o dannoso e si è deciso di tenere
sotto stretto controllo l’evolversi della vicenda, per evitare scempi ambientali e scelte poco
opportune.
2. Raddoppio del porto di Numana. Si è espresso profondo sconcerto per il progetto che
prevederebbe il raddoppio del porto, già elemento di degrado per il paesaggio della zona, in
particolare in quanto questo andrebbe a devastare l’area della Spiaggiola; presi i contatti
con i comitati locali, fortemente critici nei confronti del progetto, si è deciso di acquisire
maggiori informazioni ed attendere e viglilare su eventuali sviluppi della situazione.
3. Coordinamento Associazioni. Visti gli atti relativi all’attività del Coordinamento, qui in
allegato (allegati da 1 a 8), si sono ratificate tutte le decisioni prese in quella sede.
4. Lido Azzurro. Con riferimento a quanto al punto precedente, all. 8, si è espressa viva
soddisfazione per l’interessamento mostrato dal Direttore Regionale per i BB. CC., in
particolare per quanto riguarda il deferimento della decisione definitiva al Ministro.
Contestualmente, è stata fatta avere copia della lettera agli organi competenti a Roma,
nell’auspicio di una tempestiva sospensione definitiva dei lavori e di una riparazione ai
danni ambientali e al paesaggio già probabilmente cagionati dagli stessi.
seguono n. 8 allegati.


ALLEGATO 1
Incontro con Comune di Ancona – Area Centro Storico/Urbanistica
Risultato della nostra richiesta di chiarimenti per i due argomenti oggetto dell’incontro:
Piano particolareggiato del Cardeto – Volevamo sapere se nel piano particolareggiato c’era
qualche norma che impediva la eventuale attività di ristorazione (U4/4). Confermato che non
c’è, e che la destinazione urbanistica 4/4 è prevista per vari edifici del Parco (Casermaggi,
Polveriera). Non è prevista per l’ex magazzino derrate, ma questo già si sapeva. Quindi il
pericolo che a qualcuno venga in mente di farci un ristorante esiste, indipendentemente da
quello che ci aveva assicurato l’assessore, che non credo fosse male informato…
Dobbiamo quindi vigilare e informare chi in Consiglio Comunale sappiamo essere contrario ad
una eccessiva urbanizzazione del Cardeto.
Per quanto riguarda l’ex magazzino derrate il pericolo è la destinazione nuova che è stata
aggiunta e cioè “Università”. C’è pericolo perché Università vuole dire tutto e niente, cioè con
questa destinazione urbanistica l’Università potrebbe farci qualsiasi cosa, sempre che non ci
siano dei paletti preventivi. E’ vero che ci è stato detto più volte che la destinazione struttura
ricettiva sarà esclusa nel contratto di vendita (nel quale dovrebbe essere anche indicata una
riduzione di cubatura), ma con i tempi e le persone che corrono….Quindi vigilanza anche in
questo caso.
Garage in Via Birarelli. Nel piano particolareggiato la zona è classificata P.A. (Parco
archeologico), e quindi non si può, o meglio non si potrebbe, costruirvi nulla. In realtà come
sappiamo la Soprintendenza Regionale (confermato si tratta della Regionale e non
dell’Archeologica) ha costruito sui ruderi di Santa Palazia un piccolo garage. Abbiamo
domandato: e come avete fatto a autorizzare una cosa del genere? Risposta: La
Soprintendenza non ci ha chiesto alcuna autorizzazione.

ALLEGATO 2
Situazione dehors
Oggi è uscito il comunicato stampa del Coordinamento. Sul
Carlino con poca evidenza (questa volta evidentemente avevano poco spazio). Con ottima
evidenza invece sul Corriere Adriatico. Niente sul Messaggero, come al solito.
Comunque il sasso è stato lanciato. Il Corriere Adriatico ha anche pubblicato una foto, molto
indicativa, di quale obbrobrio si stia costruendo in Piazza della Repubblica, fra il Sacramento e
il Teatro delle Muse.
Il presidente della Confcommercio si è dichiarato
del tutto d’accordo con noi….

ALLEGATO 3
Verbale riunione del Coordinamento del 7 luglio 2007
Regolamento dehors. Nuova struttura in Piazza del Teatro. A seguito della nuova struttura in
Piazza della Repubblica, per la quale è già stato pubblicato il nostro comunicato stampa ed
abbiamo scritto all’assessore, verrà inviata altra lettera al Sindaco. Questa volta sarà una
lettera ultimativa, nel senso che, oltre ad anticipare il ricorso al TAR per il dehors di Piazza
della Repubblica (a questo scopo verrà sentito al più presto l’avvocato), verrà fatta presente la
nostra situazione di disagio di fronte ad un comportamento dell’Amministrazione Comunale
assolutamente inconcepibile e incomprensibile, non essendo intenzione del Coordinamento di
continuare a fare il cane da guardia per le inadempienze altrui.
Piano particolareggiato Piano del Cardeto (per ristorante) e Via Birarelli (per garage
Soprintendenza)
. Risultato dell’incontro con l’architetto.
Per il Cardeto (eventuale ristorante), verrà inviata una lettera all’assessore prendendo nota
con soddisfazione della sua dichiarazione in Circoscrizione in senso contrario al ristorante
medesimo, mentre verrà considerato come fattibile ed accettabile un piccolo bar/ristoro
all’interno del Parco.
Per quanto riguarda il Garage della Soprintendenza in Via Birarelli, si decide di attendere che ci
sia il nuovo Soprintendente Regionale che sostituirà prossimamente l’attuale. Come
coordinamento prenderemo appuntamento e in quell’occasione parleremo anche del garage.
Piano Strutturale Comunale. Giancarlo consegna la copia dei suggerimenti messa in forma più
discorsiva e con gli argomenti evidenziati, in modo che il 16 si possa agevolmente presentarli
al Sindaco.
Condizionatori esterni. Appurato nuovamente che non c’è un regolamento specifico, si
conferma l’invio di lettera al Sindaco con la richiesta di regolamentare la cosa.
Verde alla Cittadella. Relazionati circa l’incontro con l’architetto. Ci è stata richiesta una lettera
come supporto per la richiesta di introduzione nel Bilancio Regionale 2008 di una posta
apposita per l’inizio dei lavori di sfoltimento del verde e di sostituzione con essenze arbustive.
Piazza Cavour. si decide di inviare lettera al Sindaco nella quale, oltre a esternare la nostra
soddisfazione per l’allontanamento dei furgoni degli ambulanti dalla zona pedonale della
Piazza, si chieda una sistemazione decorosa della Piazza, in attesa della sistemazione definitiva
che verrà fatta presumibilmente l’anno prossimo.

ALLEGATO 4
Lettera per apparecchiature esterne condizionatori
Ancona, 11 luglio 2007
Sindaco del Comune di Ancona
Sig. Fabio Sturani
Condizionatori esterni. Regolamento
Le sottoscritte associazioni rilevano che negli ultimi anni l’utilizzo di condizionatori nelle
abitazioni e negli uffici si è intensificato e che, in mancanza di apposita regolamentazione,
ormai buona parte degli edifici anche in pieno centro storico sono deturpati da tali appendici
esterne, brutte da vedere e che spesso impediscono la visuale di edifici di pregio e vincolati.
Rilevano anche la mancanza nelle norme tecniche del PRG di una regolamentazione che
riguardi l’apposizione sull’esterno degli edifici dei condizionatori, All’art. 93 del PRG vigente si
parla infatti solo di eventuali prescrizioni particolari, ma non si entra nel merito della questione
probabilmente perché all’epoca il problema non aveva la rilevanza che ha assunto
successivamente.
Suggeriscono quindi che, come già fatto da altre Amministrazioni Comunali (ad esempio
Comune di Loreto), si predispongano delle norme regolamentari che consentano di evitare che
l’apposizione non regolata di tali apparecchiature provochi situazioni non consoni al livello
estetico di molti edifici ed aree della città.
Ringraziando per l’attenzione porgiamo cordiali saluti.

ALLEGATO 5
Lettera al Sindaco per ricorso al TAR contro i dehors fuori regolamento
Ancona, 11 luglio 2007
Sindaco del Comune di Ancona
Sig. Fabio Sturani
Gentile signor Sindaco,
Regolamento per la disciplina dell’occupazione temporanea di suolo pubblico per spazi di
ristoro all’aperto.
Lo scrivente coordinamento ha contribuito fattivamente a suo tempo alla stesura del
Regolamento in oggetto, ha vigilato affinché venisse applicato nei tempi e nei modi dallo
stesso previsti, ed è intervenuto varie volte con lettere e con comunicati stampa di fronte
all’evidente mancata entrata in vigore dello stesso e di fronte ad evidenti storture nella sua
parziale applicazione.
Siamo intervenuti quando entro il 31 dicembre 2006 non sono stati smontati i dehors
precedenti e totalmente non più in regola. Siamo intervenuti quando sono stati rimontati nella
primavera del 2007 altri dehors che erano stati smontati precedentemente dai proprietari per
motivi stagionali e che sono stati rimontati senza alcuna variazione che li rendesse consoni al
Regolamento. Siamo infine intervenuti quando anche il primo dehors autorizzato sulla base del
nuovo Regolamento si è dimostrato chiaramente essere in pieno contrasto con lo stesso
(parliamo del dehors del omissis).
A questo punto dietro la mancata applicazione e le erronee applicazioni, pensiamo che ci sia
una precisa volontà politica, forse non Sua, o comunque una accondiscendenza colpevole a
spinte di carattere commerciale che oltre ad un certo limite non possono essere accettate da
Associazioni di Tutela quali noi siamo. Ma d’altra parte non è neppure concepibile che
continuiamo a “fare il cane da guardia” per l’applicazione di un Regolamento approvato dal
Consiglio Comunale, nei confronti dell’Amministrazione Comunale che dovrebbe applicarlo.
Le chiediamo quindi un intervento formale e chiarificatore, informandoLa comunque che nel
frattempo ci troviamo costretti a ricorrere al Tribunale Amministrativo per quel dehors che è
stato costruito in Piazza della Repubblica che, per nostro preciso convincimento, ma anche per
voce comune di molti degli altri esercenti, è ancora peggio di quanto utilizzato in Centro
Storico prima che l’attuale Regolamento fosse stato approvato.
Le porgiamo distinti saluti

ALLEGATO 6
Lettera al Sindaco su Piazza Cavour
Ancona, 11 luglio 2007
Sindaco del Comune di Ancona
Sig. Fabio Sturani
Assessore ai LL.PP
Prof. Enrico Turchetti
Piazza Cavour
Lo spostamento dei furgoni degli ambulanti ai lati della Piazza, per il quale abbiamo già
ringraziato il 5 aprile c.a., ha già dato un aspetto più decoroso alla Piazza stessa.
In attesa però della definitiva sistemazione già prevista dall’Amministrazione Comunale,
desideriamo rinnovare la richiesta per un ulteriore intervento che consenta una presentazione
della Piazza più consona alle esigenze di una città come la nostra.
Tale ulteriore intervento potrebbe essere visto in relazione alla prossima rimozione del cantiere
ormai in disuso da mesi in Via Castelfidardo, dove potrebbero essere temporaneamente
sistemate le bancarelle che attualmente sono su due lati di Piazza Cavour.
Per quanto riguarda la sistemazione definitiva della Piazza, vogliamo segnalare la nostra
preoccupazione per la struttura in vetro e metallo sotto la quale dovrebbero essere sistemate
le attuali strutture commerciali per la vendita dei libri usati. Infatti tale struttura, che a prima
vista ci pare di un buon livello, è tale, per collocazione e tipologia, da richiedere una costante
manutenzione contro vandali di vario genere che imperversano in città con scritte e
danneggiamenti. Non vorremmo che questa struttura entrasse in rapido degrado poco dopo
essere stata montata. Sotto questo aspetto gradiremmo ricevere una cortese conferma di
attenzione.
Ringraziamo e porgiamo cordiali saluti

ALLEGATO 7
Lettera all’Assessore competente per Parco del Cardeto
Ancona 11 luglio 2007
Assessore all’Urbanistica
e p.c.
Presidente Prima Circoscrizione
e p.c.
Coordinatrice Commissione LL.PP e Urbanistica Prima Circoscrizione
Coordinatrice del Parco del Cardeto
Parco del Cardeto
In occasione di una sua presenza alla Commissione Lavori Pubblici e Urbanistica della Prima
Circoscrizione, Lei ebbe occasione di tranquillizzare i presenti circa l’eventualità, apparsa sulla
stampa, che nel Parco del Cardeto venisse consentita l’apertura di un ristorante. In
quell’occasione Lei ci comunicò che le destinazioni urbanistiche del Parco non comprendevano
tale destinazione.
Di tale informazione, che oltre a riferirsi a dati di fatto, smentiva contemporaneamente le
notizie di stampa Le fummo, e Le siamo, grati.
Contemporaneamente desideriamo informarLa che non saremmo di principio contrari a che nel
Parco del Cardeto fosse consentito un piccolo punto di ristoro (del resto facente parte della
destinazione urbanistica U4/4 prevista per i Parchi, Cardeto incluso), mentre siamo ed
eravamo ovviamente contrari ad una struttura impattante e in un certo senso stravolgente
come sarebbe quella di un ristorante vero e proprio.
La ringraziamo e porgiamo cordiali saluti

ALLEGATO 8

DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELLE MARCHE
OGGETTO: NUMANA (AN) - Piano dilottizzazione..Lido Azzurro,,.
Autorizzazione paesaggistica no 18139 del L6 dicembre 2006.
Comunicazioni.
Presa visione dell'esposto datato 31 maggio 2OO7 pervenuto in data 8 giugno 2OO7 e
svolti gli opportuni accertamenti, questa Dírezíone Regionale deve fare presente a-l1e
benemerite Associazioni esponenti che secondo 1a vigente legislazione ed il regolamento di
orgattízzazione del Ministero per i beni e le attività culturali, i procedimenti di autorizzazione
paesaggistica ai sensi degli artt. 146 e 159 per quanto riguarda i compiti de1 Ministero, sono di
esclusiva pertinenza de1 Soprintendente di settore, a cui dovrebbe essere pertanto destinata
tutta la corrisp ondenza relativa all'oggetto.
Tuttavia la scrivente, vista Ia rllevanza della questione ed il dibattito in atto, anche alla
luce de1 recente invito rivolto dallAssessore regionale ai servizi socia-li, trnrnigrazione, beni
cultura-li, tutela e risanamento ambientale ecc. Marco Amagliani, al Comune di Numana "a
desistere dal proseguire ..." (pervenuto per conoscenza dal Soprintendente ad intedm per i
beni architettonici e per il paesaggio delle Marche arch. Giangiacomo Martines in data 18
giugno 2OOT) ritiene necessario investire della questione la competente Direzione GeneraJe per
i beni architettonici e paesaggistici del Ministero, la quale, come di sua competenza, potra
valutare le più opportune iníziatíve da intraprendere per la difesa del territorio.
La Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio, che legge per conoscerrza,
è invitata a trasmettere copia di tutto f incartamento relativo all'oggetto direttamente a,l1a
Dtrezione Generale per i beni architettonici e paesaggistici, con riferimento, in particolare, al
monitoraggio del1e situazioni di criticità derivanti dal1e trasforr.rrazioni territoriali attua-lmente
in corso, già richiesto con specifica nota dal superiore Ministero.
Si sottolinea f importanza delle problematiche sollevate dalle Assocíazioni a cui si
risponde anche alla luce de1la particolare attenzione riservata dal Codice "ag1i interventi di
recupero e riqualificazione delle aree significativamente compromesse o degradate".
IL DIR ad interím

 
postit-leggebavaglio.png