Verbale 05/12/2007 Stampa
Scritto da Administrator   
Martedì 14 Ottobre 2008 18:01

Nella RIUNIONE del 5.12.2007 si sono discussi i seguenti punti:

1. Attività ente Parco del Conero

Fra le prossime iniziative di gestione naturalistica sarà previsto il reinserimento di alcune

specie vegetali e altre attività atte a favorire la biodiversità delle specie floro-faunistiche del

parco.

Interventi saranno incentrati anche sulla possibile riapertura di alcuni sentieri attualmente

non fruibili, e progettazione di percorsi in grado di collegare in un continuum naturalistico

l'Aspio al Poggio.

2. Rilancio di iniziative per la fruibilità e la messa in sicurezza del Faro. Uno dei monumenti

simbolo della nostra città che, nonostante la buona volontà dell'amministrazione comunale,

è tuttora nel dimenticatoio dell'autorità demaniale.

3. Tendone del Mondo

Dal 14 al 23 dicembre torna anche quest'anno ad Ancona il Tendone del Mondo, una buona

occasione per promuovere le attività del circolo. L'orario di apertura sarà dalle 16,30 alle

19,30 circa. Chi fosse interessato a partecipare può telefonare allo 071 200852 e chiedere

di omissis.

4. Cena del Tesseramento

La cena natalizia si terrà a ridosso delle prossime festività, molto probabilmente venerdì 21

dicembre.

Un'occasione per trascorrere una serata in compagnia e magari per rinnovare l'adesione al

Circolo.

 

ALLEGATO 1

Verbale della riunione del coordinamento del 27 novembre 2007

Scopo della riunione era soprattutto parlare del Cardeto e della vendita dell’ex deposito derrate

all’Università: informati che nella commissione urbanistica di lunedi prossimo 3 dicembre verrà

presentata dal presidente della Commissione una mozione con la quale si propone che l’utilizzo

dell’ex magazzino derrate da parte dell’ Università dovrà essere limitato all’attività didattica (aule,

laboratori) e si esclude qualsiasi tipo di parcheggio. La definizione di quali sono gli edifici ai quali

si estende l’uso urbanistico “Università” sarà rimandato al Piano Particolareggiato (giusta

decisione, visto che l’ex magazzino derrate non è stato ancora venduto all’Università, per cui

sarebbe stato prematuro dargli l’uso “Università” se è ancora proprietà comunale). Una voce in

parte fuori dal coro , insiste affinché sia consentito mettere un bar all’interno dell’ex magazzino

derrate, per ragioni di socialità e comodità per gli studenti; sinceramente non se ne vede l’utilità,

dato che c’è un bar a Villarey raggiungibile dall’ex magazzino in cinque minuti, mentre si vede la

pericolosità di cominciare a consentire qualche tipo di “somministrazione”. Per quanto riguarda l’ex

Stamura sembra che ci sia un’ampia opposizione a nuove strade all’interno del Parco (fra l’altro non

si capisce dove potrebbero essere collocate).

É stata fatta presente l’urgenza, per quanto riguarda l’ex caserma Stamura, della messa in sicurezza

evitando con mezzi idonei che si possa entrarvi abusivamente.

Un presente ha provocatoriamente proposto: perché non chiediamo che la parte Nord del Parco

dall’ex magazzino derrate incluso al Faro, diventi Parco Urbano a tutti gli effetti, con strade e

parcheggi (in modo che l’Università possa ristrutturare l’ex Caserma Stamura) e che si riporti

invece a Parco Naturale la parte a Sud, dalla polveriera Castefidardo esclusa fino a Via Friuli,

levando panchine, tralasciando di allargare i sentieri, non facendoci manifestazioni pseudostoriche

come già avvenuto, o incontri di bambini, non facendoci entrare mezzi neanche di

servizio, non pensando neanche minimamente a metterci bar e lasciando che la Natura

riprenda il sopravvento?