IL PERCORSO PEDONALE CUPA DI POSATORA

PERCORSO PEDONALE CUPA DI POSATORA. Di seguito l'ipotesi di percorso pedonale ad anello , con la descrizione per orientarsi.

Carta sentiero cupa di posatora 1

Ipotesi di percorso pedonale  CUPA DI POSATORA

Lunghezza complessiva : 6, 7 Km

Descrizione itinerario: si tratta di un percorso ad anello: ex CRASS- Via Cupa di Posatora- Piste del Fornetto- Parco Belvedere – Parco Fiorani – ex CRASS

Dopo aver attraversato l’ex CRASS e gli alberi monumentali del suo parco, si esce dal cancello dietro le nuove palazzine, e si svolta a destra per la strada che porta alla Casa Rossa.

Si percorrono ca 70 m, e quando la strada svolta e sale a sinistra, si piega lievemente a destra, prendendo un sentiero che costeggia il fosso al di là del quale c’è il Nuovo Tambroni. Lo si percorre sino ad un ponticello: si è in via Cupa di Posatora, vicino al Palamassimo (che può essere il punto di partenza per chi non passa per l’ex CRASS).

Si svolta a sinistra, su asfalto in salita su Via Cupa: dopo ca 100 m si trova una edicola votiva. Al termine dell’asfalto, si svolta a sinistra per un sentiero: si tratta sempre di Via Cupa, un tempo percorribile in automobile. Si percorrono ca. 200 metri in pianura: quando appare il cancello secondario della Casa Rossa, si svolta a destra in sensibile salita, sino ad arrivare alla prima casa di Posatora. Ora Via Cupa ritorna ad essere una strada carrabile, ombreggiata da olmi e querce: si oltrepassa la nuova chiesa parrocchiale e si continua per ca. 1 km sino al bivio con Via del Fornetto.

Si svolta a sinistra, per asfalto, per ca. 200 metri e prima delle vecchie case della frazione, si gira a destra: sono presenti le indicazioni stradali “Statua di San Pio” e “Piste Ciclopedonali del Fornetto”. Si sale per asfalto sino alla statua di San Pio e si prende la pista pedonale sterrata (pista del Fornetto alta) , molto panoramica, per ca. 700 m. sino ad incrociare Via del Golfo.

Si svolta a destra, in ripida discesa, per ca. 100 metri, e si gira ancora a destra per imboccare la pista pedonale bassa del Fornetto, che si percorre interamente. Lungo la pista si aggira una ex casa colonica, e si svolta subito dopo la casa a sinistra: la carrareccia viene percorsa sino a che raggiunge prima alcune abitazioni, per poi uscire di nuovo lungo Via del Fornetto. Si svolta a sinistra e si scende sino al Parco Belvedere e alla storica chiesa parrocchiale, per poi imboccare il Parco Fiorani dal lato opposto della strada. Si entra, si prende il sentiero a sinistra e si supera lo sgambatoio per cani sino a incrociare la segnaletica dell’Antico Sentiero del Borghetto, che porta a Torrette (se si vuole). Si risale per il Parco, ammirando il panorama sul Porto, e si esce dalla porta principale di Parco Fiorani: davanti si trova Villa Colonnelli. Si gira a sinistra e si percorre Via Posatora sino al semaforo: si svolta a destra, e dopo pochi metri a sinistra per Via Brodolini. Si supera la scuola primaria: subito dopo si imbocca a destra una carrabile bianca (presenza di un bel filare di gelsi) per ca. 200 metri, per svoltare a sinistra a metà collina, lungo un sentiero che per incolti riporta, scendendo, al Palamassimo. Di qui sino all’ex CRASS superando il ponticello di Via Cupa e svoltando a sinistra, per lo stesso percorso di andata.

Nota: tutto l’itinerario è completamente privo di segnaletica. La presente è solo l’indicazione di un possibile percorso pedonale, molto gradevole, da affrontare con abbigliamento, soprattutto scarpe, adeguate al fondo che può presentare tratti fangosi dopo piogge recenti.

Pin It